E’ ormai noto che le prestazioni delle più recenti hot-hatch possano essere paragonate alle supercar di pochi anni fa.

Con l’ultima evoluzione della Rs3 Audi ha voluto portare ancora più in alto il livello presentando una versione aggiornata del glorioso motore 5 cilindri 2.5 TFSI, con potenza innalzata a 400 cavalli e 480Nm di coppia.

Nonostante siano numeri davvero notevoli già di serie abbiamo rilevato che i dati dichiarati corrispondono a realtà: 403cv* e 478Nm*, rilevati su banco prova con benzina a 100 ottani, complice anche la temperatura dell’aria di 3°C che certamente aiuta i motori turbo ad esprimere il massimo potenziale.

AGGIORNAMENTO: Una recente prova effettuata su un altro esemplare ha evidenziato che a parità di file possono esserci delle differenze tra la potenza stock delle vetture, infatti la RS3 nera che vedete in galleria immagini ha rullato 415cv e 503Nm di coppia nonostante la versione software fosse identica. Il motivo di questa differenza potrebbe essere imputabile ad una miglior qualità del carburante 100 ottani unito ad una temperatura dell’aria sotto lo zero (-2°C).

Con la nostra modifica Stage1, quindi solo calibrazione software su meccanica completamente stock, la nuova Rs3 entra di fatto in una categoria superiore, facendo segnare potenze da  464cv* e 567Nm* di coppia a 477cv* e 590Nm* sul nostro banco prova.

Nella galleria immagini e sul listino potete osservare le differenze tra i vari esemplari su cui siamo intervenuti.

I tempi di accelerazione hanno dell’incredibile se consideriamo che il test è stato svolto su asfalto freddo e con pneumatici invernali. Qui sotto trovate le tabelle con la comparazione dei tempi tra auto originale e modificata:

Auto Originale:

Auto con modifica software Stage1:

GRAFICO COMPARARTIVO ACCELERAZIONI:

Il grafico mostra la comparazione della curva di accelerazione delle due auto in una drag race virtuale, mettendo in luce le differenze che si verificherebbero se due RS3 400cv identiche, una modificata con il nostro software e l’altra di serie, partissero da ferme in una gara di accelerazione. I rilevamenti sono stati effettuati con una vettura che su banco ha evidenziato 464cv come potenza massima.

Il dato più evidente è che dopo lo stacco da fermo la curva si separa in modo consistente a favore dell’auto modificata, che termina il test a 200 km/h quando la vettura di serie ha appena raggiunto i 186 km/h.

In termini cronometrici il distacco per arrivare a 200 km/h** è di 2,1 secondi, che corrispondono a 85 metri di distanza.  Ci teniamo a specificare che a questo livello di performance un miglioramento del genere è qualcosa di estremamente percepibile, per fornire un parametro di confronto il tempo di 11.54″** registrato è inferiore a quello di una BMW M4 stock.

Nello sparo da 0 a 100 km/h si osserva un miglioramento di circa 4 decimi di secondo, con un tempo record di 3,43″** per l’auto modificata. Appena possibile ripeteremo il test con gomme estive e migliori condizioni di aderenza.

Il limitatore di velocità viene disattivato, permettendo alla vettura di superare i 300 km/h.

Per ulteriori informazioni potete contattarci via mail all’indirizzo info@biesseracing.com.

Clicca qui per il Link al listino

* Dati rilevati su Banco prova 4×4 in condizioni controllate e temperatura di 3°.

** Test eseguito da pilota professionista su strada chiusa al traffico